IL PENSIERO MEDITERRANEO

Incontri di Culture sulle sponde del mediterraneo – Rivista Culturale online

di Tiziana Leopizzi

Un’idea che sottolinea l’attualità di Dante è quella che ha dato vita a “Dante secondo lei“.
L’autrice è Giuliana Poli, docente, scrittrice, giornalista, storica, una personalità decisamente eclettica. Il libro, prodotto dalla Società Dante Alighieri, faro della cultura italiana nel mondo, é il fiore all’occhiello a conclusione degli eventi dedicati al settecentenario mirato com’è ad offrire un punto di vista inedito, anzi 100 punti di vista, sull’inesauribile fonte di saperi costituita dal Sommo Poeta.

Il fulcro é il rapporto tra Dante e il mondo femminile.
Sono 100 le voci perché 100 sono le donne di cui Giuliana Poli ha raccolto le risposte ai suoi interrogativi mirati a focalizzare il loro rapporto personale con Dante.
L’incontro del 28 giugno viene aperto dal Segretario Generale Alessandro Masi, appena rientrato dal Paraguay per la premiazione della DA Asuncion.
Seguirà Giuliana Poli che illustrerà il progetto.

A seguire il giornalista Paolo Conti modera la tavola rotonda cui interverranno alcune delle protagoniste di questo dialogo immaginario fra le Donne di oggi e il Poeta, donne appartenenti al mondo della cultura, dell’impresa, della politica, della comunicazione, della scienza, della “rete Dante”. L’autrice ci offre una vera panoramica dell’attualità oltre ad approfondimenti sui personaggi femminili della Comedia, come Pia de’ Tolomei o Piccarda Donati, comunque in rapporto con le attuali cronache di atroci violenze di cui il mondo femminile é oggetto.

Nel corso dell’evento le prime intervistate saranno invitate a intervenire sui temi in discussione : Edith Bruck, la scrittrice Vittoria Morganti, le Artiste Alessandra Biagini e Wally Bonafè, autrici e presentatrici televisive o radiofoniche come Enrica Bonaccorti, Licia Troisi, Sharon Alario, Benedetta Rinaldi e Federica Gentile, la ricercatrice Francesca Faedi e poi imprenditrici e manager come Letizia Urbani, Letizia Pigini, Giovanna Della Posta, Daniela Ciacci, Tiziana Leopizzi e Alessandra Millevolte, direttrici di musei e istituzioni artistiche come Francesca Cappelletti e Roberta Serra, e la direttrice d’orchestra Cinzia Pennesi. Interventi anche della curatrice d’arte, già direttrice dell’IIC di Mosca, Olga Strada e rappresentanti delle istituzioni dello Stato come la Direttrice centrale per la promozione della cultura e della lingua italiana Cecilia Piccioni, la senatrice Paola Pelino e la deputata Eleonora Cimbro.

Il libro contiene anche 77 interviste a donne della rete Dante nel mondo: insegnanti, professioniste e studentesse. “Sono loro le nostre Beatrici …//… auspicio per la donna del futuro”, ha scritto Alessandro Masi nella prefazione al volume.
A conclusione dello stuzzicante e stimolante incontro Monica Guerritore porta il teatro a Palazzo Firenze, interpretando “Dall’Inferno all’infinito”, una performance di 15 minuti sulle figure emblematiche di Beatrice e di Francesca sui temi della libera scelta e della sapienza.
Mi piace salutarvi … con un prologo! Quello di Giuliana Poli, qui le primissime righe di questa titanica impresa:
“È stata un’esperienza profonda trovare il fil rouge tra l’interiorità delle donne intervistate e il “suono” e le “immagini” che ognuna ha colto nelle parole del Sommo Poeta; questo, grazie alla complessità e semplicità allo stesso tempo dell’essere femminile, naturalmente cielo e terra, Inferno e Paradiso…

separatore