IL PENSIERO MEDITERRANEO

Incontri di Culture sulle sponde del mediterraneo – Rivista Culturale online

Giappone: il santuario Ise smantellato e ricostruito ogni vent’anni

Di Antonio Pistillo

Il Santuario di Ise è un tempio shintoista situato nella prefettura di Mie, in Giappone, a sud di Tokyo. Ogni vent’anni dal 690 d. C. gli edifici che costituiscono il tempio vengono smantellati e ricostruiti ritualmente sempre identici, con spese esorbitanti. Gli edifici attuali, costruiti nel 2013, sono la sessantaduesima ricostruzione, la prossima è in programma per il 2033.

La ricostruzione del tempio rimanda ad un più profondo significato spirituale e religioso di rinnovamento e rinascita. Ma anche di accoglimento della transitorietà di tutte le cose, che muoiono e si rinnovano. Nel mondo giapponese wabi-sabi è una visione del mondo fondata sull’impermanenza delle cose.

Sin dai tempi antichi, il popolo giapponese ha vissuto in armonia con la natura. In tutto il Giappone, ci sono rocce consacrate e alberi sempreverdi in cui risiedono esseri soprannaturali, come santuari, generalmente chiamati Jinja, in cui Kami è incastonato e che di solito consiste in un edificio circondato da un boschetto di alberi. Secondo lo Shintoismo, la religione indigena del Giappone, Kami è adorato nel matsuri, che include solenni cerimonie e feste a livello locale.

Decine di migliaia i santuari shintoisti in Giappone, che sono al centro della vita spirituale del paese. Storicamente, Jingu, il grande santuario di Ise, ha tenuto il posto più onorevole tra tutti i templi shintoisti. È considerata la casa spirituale del popolo giapponese, la maggior parte dei quali desidera fare un pellegrinaggio a Jingu almeno una volta durante la loro vita. Infatti, più di sei milioni di pellegrini e adoratori vengono a Jingu ogni anno.

Si crede che i templi Jingu di Naiku e Geku siano stati costruiti per la prima volta nel V secolo dC Dal settimo secolo dC, i Naiku, i Geku ei loro rispettivi santuari ausiliari sono stati ricostruiti ogni vent’anni ei simboli del Kami che custodiscono hanno è stato trasferito cerimoniosamente in solenni cerimonie notturne dai vecchi edifici del santuario agli edifici recentemente ricostruiti nei loro santuari adiacenti. Questo sistema cerimoniale, denominato Shikinen Sengu, è considerato una elaborata cerimonia di Kannamesai (Offerta della prima frutta). Coinvolge la ricostruzione degli edifici del santuario e il rinnovo degli abiti sacri e dei tesori, che vengono portati nei nuovi edifici del santuario insieme al simbolo del Kami in occasione della cerimonia Sengyo (Trasferimento). Eseguendo lo Shikinen Sengu ogni vent’anni, i giapponesi ricevono rinnovate benedizioni dal loro Kami e pregano per la pace nel mondo.

Separatore di testo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Controllo *