IL PENSIERO MEDITERRANEO

Incontri di Culture sulle sponde del mediterraneo – Rivista Culturale online

La follia del poeta: “Dalla poesia alla narrazione” con Andrea Donaera 28 luglio 2021 ore 17.30

Continua il ciclo di incontri “La follia del poeta” presso la Casa per la Vita “Artemide” – Racale (Le) struttura residenziale che accoglie persone con disagio mentale.

«Cosa vuol dire essere pazzo, essere malato? Non lo so. Credo sia impossibile saperlo. (…) Credo che ci si ammali per intelligenza, per un’intelligenza troppo esatta, troppo improvvisa, acclimatata». Scrive così Christian Bobin in “L’uomo del disastro”, cercando di dare voce e risposta alla “follia” di Antonin Artaud. I due si incontrano su una soglia tanto precisa quanto sottile: la soglia dell’umano, dell’esperienza muta di essere uomini. Bobin a voce bassa e con delicatezza sussurra ad Artaud: “Non sei pazzo, poiché ti ascolto”. Due uomini e un confine, un confine segnato dalla parola, dalla parola poetica.

Gli incontri de “La follia del poeta” che intendiamo proporre ai nostri Ospiti – sostiene Walter Spennato, sociologo e coordinatore della struttura e ideatore del progetto – vuole essere un modo concreto e in azione di collocarsi su questa soglia, di abitarla, in un’alternanza di voci, sussurri e ascolto.

Il quarto incontro, dal titolo “Dalla poesia alla narrazione”, si terrà martedì 28 luglio alle ore 17:30: ospite della struttura residenziale sarà Andrea Donaera: poeta e scrittore, ha pubblicato diverse raccolte di poesia (tra cui Il latte versato, 2012; Certe cose, certe volte, 2012; Occhi rossi, 2015). Nel 2017 ha pubblicato il saggio Su una tovaglia lisa. Nell’Inventario privato di Elio Pagliarani (L’erudita; Premio De Finibus Terrae). Nel 2018 ha vinto alcuni premi di poesia, come il Guido Gozzano, l’Ossi di Seppia e il Bologna in Lettere.

Foto a colori di uomo con barba e baffi
Lo scrittore e poeta Andrea Donaera (foto A. D.)

Nel 2019 esce la raccolta Una Madonna che mai appare, all’interno del XIV Quaderno italiano di poesia contemporanea (Marcos y Marcos). Nello stesso anno viene pubblicato Io sono la bestia (NN Editore), il suo primo romanzo, vincitore del Premio Letteraria, del Premio POP e del Premio Megamark, nel 2020 tradotto in Francia.

Donaera si è laureato in Scienze della Comunicazione presso l’Università del Salento (dove è stato segretario del Centro di ricerca PENS: Poesia Contemporanea e Nuove Scritture) e in Italianistica presso l’Università di Bologna (dove ha fatto parte del Consiglio direttivo del Centro di poesia contemporanea).

Fino al 2020 ha diretto la collana di poesia “Billie” della casa editrice ‘Round Midnight, mentre attualmente lavora per alcune case editrici. Dal 2016 è il direttore artistico di “Poié”, Festival letterario di Gallipoli. Dal 2020 cura il podcast “(n)Trame”, incentrato sugli scrittori di narrativa esordienti.

Dal 2021 collabora con il quotidiano Domani.

Al fine di sensibilizzare e coinvolgere chi intende avvicinarsi alle tematiche dell’inclusione sociale e del disagio mentale è possibile prenotarsi per all’incontro muniti di green-pass e DPI chiamando in struttura (0833.908506): l’evento è aperto a 3 persone.   

_ _ _ _ _ _ _ _

La Casa per la Vita “Artemide” è una struttura residenziale a carattere socio-sanitario, a media intensità assistenziale sanitaria, destinata ad accogliere, in via temporanea o permanente, persone con problematiche psicosociali e pazienti psichiatrici stabilizzati usciti dal circuito psichiatrico riabilitativo residenziale, prive di validi riferimenti familiari, e/o che necessitano di sostegno nel mantenimento del livello di autonomia e nel percorso di inserimento o reinserimento sociale e/o lavorativo.

Separatore di testo