IL PENSIERO MEDITERRANEO

Incontri di Culture sulle sponde del mediterraneo – Rivista Culturale online

L’antica lingua greca: un vaso di benedizioni

di Alexandra Rozokoki

L’antica lingua greca era parlata per la maggior parte di ciò che conosciamo come Grecia, Cipro, le colonie greche dell’Asia Minore, il Mar Nero, l’Italia meridionale / Sicilia e il Nord Africa dal 15 ° secolo aC a circa il 4 ° secolo dC. Poiché non si è verificata una grande rottura tra il greco antico e quello moderno, ci sono più prove disponibili per la storia del greco che per tutte le altre lingue indoeuropee; le sue origini sono attualmente stimate intorno al 1500 aC. Il greco antico è composto da un gruppo di dialetti, come lo ionico / attico, l’arcadocipriota, l’eolico e il dialetto dorico. A questi dobbiamo aggiungere come dialetto separato il miceneo (= la forma più antica della lingua greca). I testi scientifici, storici, letterari, filosofici e di altro tipo del greco antico sono scritti in uno dei suddetti dialetti.


Nonostante le differenze locali a livello fonetico, morfologico e semantico, gli antichi greci ritenevano di parlare una lingua comune. Essi sostenevano anche che la base del genos greco era lo stesso sangue, la stessa lingua, una religione comune e costumi comuni (Hdt. 8.144).


La letteratura greca antica comprende monumenti testuali di tale qualità che, nel corso dei secoli, sono stati visti dal mondo civilizzato come creazioni di alta cultura. Poeti come il saggio Omero, il didatta Esiodo, la colta Saffo, il riflessivo Solone, il patriottico Tirtaio, l’abile Simonide, il distaccato Pindaro, l’eloquente Bacchilide, il maestoso Eschilo, il dolce Sofocle, il sovversivo Euripide, l’ingegnoso Aristofane, il dotto Callimaco, l’affascinante Teocrito, ecc. Storici come l’impressionante Erodoto, l’amante della verità Tucidide, il moralizzatore Plutarco, ecc. Oratori come l’elegante Gorgia, il forte Demostene, l’abile Eschine, la carismatica Antifona, l’umanitario Isocrate, l’eminente Elio Aristide, ecc. Filosofi come il brillante Eraclito, il pioniere Democrito, il razionalista Anassimandro, il munifico Platone, l’inesauribile Aristotele, ecc. Gli scienziati, come i bravi dottori Ippocrate e Galeno, l’inventivo Archimede, l’onnisciente Eratostene e altri insegnano, danno piacere, si muovono, offrono gioia, affinano la propria intelligenza, stimolano l’immaginazione, approfondiscono il pensiero, incoraggiano il pensiero creativo, aumentano l’eloquenza, rafforzano la propria coscienza e promuovono il buon giudizio; In altre parole, sviluppano il lettore plasmando il suo spirito e la sua anima in modo positivo.


Nel loro lavoro scritto, offrono un profilo perfetto di tutti i caratteri e comportamenti umani. Viene presentata la vita giusta e virtuosa, così come lo spirito coraggioso e libero. La caccia alla conquista o al mantenimento del potere e della ricchezza è condannata quando comporta violenza, illegalità, falsità e ipocrisia. Si dichiara la misura in parole e con le opere e il rispetto dell’uomo e delle leggi. L’arroganza, l’invidia, l’arroganza, la brama di potere, l’opportunismo e la demagogia sono condannati. La semplicità, la pietà, l’autosufficienza, il coraggio, il patriottismo, la competitività e lo spirito sportivo sono lodati. Lo stato di diritto e la felicità sono delimitati. La politica corretta per governare è definita, perché senza di essa la città sarà come una nave che viene gettata su un mare in tempesta. L’anarchia, la cattiva amministrazione e la tirannia sono condannate. Vengono discusse le questioni della libertà e dei suoi limiti, l’incertezza e l’effimero della vita umana, l’attribuzione della responsabilità all’uomo per le calamità che lo colpiscono, e il valore della giustizia scritta e non scritta, così come la questione dell’onore, della riverenza, della vergogna e della disgrazia. L’armonia fraterna è elevata mentre la discordia fraterna è censurata. I mali della guerra sono descritti completamente. Viene promosso l’amore per la vita, la gioia e la festa. L’amore è lodato, la passione è disapprovata. La fede nel potere della mente e la salvezza dalla superstizione sono incoraggiate. La precedenza è data al bene collettivo piuttosto che individuale, all’altruismo piuttosto che all’egoismo. Si tenta un’interpretazione della natura e dell’universo, si forniscono informazioni sui popoli antichi e sulle grandi civiltà, ecc.


La civiltà dell’antica Grecia ha stimolato ogni aspetto della civiltà romana.


Dopo il Medioevo, lo spirito dell’Europa occidentale, che era in uno stato di letargia, rispose allo stimolo creativo che proveniva dalla scoperta della civiltà greca. Questo risveglio iniziò gradualmente intorno al 1100 d.C., fino a quando tra il 1400 e il 1600 l’Europa occidentale si impadronì delle arti e degli ideali della Grecia classica e di Roma. Dopo averli assorbiti con zelo, è rinato. In questo modo è stato in grado di plasmare il nuovo pensiero e l’arte, gettando le basi della cultura moderna. Nella rinata Italia, Francia, Olanda, Germania e Inghilterra, gli antichi greci trovarono una nuova patria.


Per descrivere il contributo della civiltà greca a quella dell’Europa, possiamo iniziare con l’alfabeto: gli alfabeti europei hanno la loro origine in quello greco, sia attraverso l’alfabeto latino, che è un prestito dal greco, sia direttamente, come con le nazioni dell’Europa orientale.


La lingua greca antica ha avuto una grande influenza sulle principali lingue europee. Sia attraverso il latino che direttamente, gran parte della ricchezza della lingua greca fu trasferita in Europa. Le altre nazioni europee presero in prestito dal greco i principali termini usati nella scienza, nella letteratura e nelle arti. Da questo punto di vista, il greco antico non è una lingua morta. Ad esempio, la parola ἐκκλησία nel periodo classico significava “ekklesia del demos”, il raduno dei cittadini ateniesi sulla Pnyx, al fine di decidere sugli affari della città. Nel Nuovo Testamento, la parola era usata per indicare la “comunità dei cristiani”. Le forme neolatine iglesia, église, chiesa, ecc. derivano dal latino ecclesia.


L’aggettivo κυριακόν (cioè δῶμα), che significa “casa di Dio”, fu trasferito nelle lingue tedesche attraverso i Goti. Questo è un termine che è stato usato al tempo di Costantino il Grande. Dal sostantivo greco kyriakon provenivano la Kirche tedesca, la Kerk olandese, la Chiesa inglese, ecc.


Platone (Theaet. 182a) usò il termine ποιότης in modo apologetico, nel caso suonasse strano. Aristotele lo accettò come termine tecnico e Cicerone lo rese in latino come qualitas, da cui derivò la qualità italiana, la qualità francese, il Qualität tedesco, la qualità inglese, ecc.


Il noto ellenista Francisco Adrados ha notato un’abbondanza di parole greche nei vocabolari delle principali lingue europee, tanto da poter parlare di una base viva e in continua evoluzione che rende le principali lingue europee quasi una sorta di semi-greco o cripto-greco (2000 trad. Lecumberri, 22, 447 ss.)


I sofisti del 5 ° secolo aC si impegnarono nello studio del linguaggio, mentre i filosofi stoici erano considerati gli inventori della grammatica. Sebbene dal 4 ° secolo aC gli indiani avessero sviluppato una grammatica, descrivendo il sanscrito in dettaglio, il loro lavoro non ebbe alcuna influenza in Occidente. Al contrario, Τέχνη γραμματική di Dionigi Trace (= L’arte della grammatica, 2 ° secolo aC) è stato tradotto e ha avuto un’influenza sui popoli dell’Oriente, ed è stato la base per l’insegnamento delle lingue a Bisanzio. Attraverso la grammatica latina, haesercitato un’influenza duratura sull’Europa dal Rinascimento fino al 18 ° secolo.

Lo studio della retorica fu introdotto dal siciliano Gorgia e fu trapiantato a Roma da Cicerone e Quintiliano. Riapparve nel 11 ° secolo, da quando tutta l’Europa ha adottato i principi dell’arte della retorica stabiliti da Gorgia, Isocrate e Aristotele.


Il metodo dialettico sviluppato da Platone per cercare la verità trovò a Roma alcune sorprendenti imitazioni (Cicerone, Agostino d’Ippona), mentre ebbe anche un grande successo nell’era moderna, a partire dai platonici del Rinascimento.


Il metodo storico è stato modellato nell’antica Grecia. La politica, la storia, la biografia, l’etnografia e le cronache dell’antica Grecia hanno gettato le basi della moderna storiografia europea.


La letteratura greca antica è stata vista come di grande valore in quanto, tra le altre cose, ritrae valori etici e spirituali sopravvissuti alla prova del tempo. Tutti i grandi autori dell’Occidente, da Petrarca, a Goethe, Schiller, Strindberg, Pirandello, Ezra Pound, Eliot, Beckett, ecc. hanno attinto alle sorgenti della letteratura greca antica. Con i suoi drammi musicali, Richard Wagner cercò un ritorno all’antico dramma greco.


La Politica di Aristotele, uno studio sistematico della filosofia politica, è stata letta ampiamente dalla loro scoperta da parte degli italiani e dei francesi nel 13 ° secolo. Nel tardo Medioevo, la politica divenne un’arma importante nelle mani degli italiani e degli svizzeri nelle loro lotte per l’indipendenza. La Repubblica di Platone e la Politica di Aristotele continuano ad avere un impatto immediato sulla filosofia politica contemporanea, incluso il marxismo.


Le opere ippocratiche e Galeno sono state studiate nelle scuole mediche europee fino alla fine del 18 ° secolo, mentre la zoologia descrittiva di Aristotele è stata ancora studiata fino alla fine del 19 ° secolo.


I greci concepirono persino l’idea del centro di ricerca scientifica, con la creazione dell’Accademia, del Liceo e del Mouseion di Alessandria.


Infine, i fondatori della scienza moderna, come Niccolò Copernico, Andrea Vesalio, Giordano Bruno, Galileo Galilei, Isaac Newton e altri, acquisirono dai loro studi di antichi testi greci non solo conoscenze specialistiche, ma impararono, soprattutto, cos’è la vera scienza.


Sfortunatamente, dopo la seconda guerra mondiale, l’attenzione dell’istruzione si è spostata per ragioni utilitaristiche. La specializzazione assoluta, con l’acquisizione di conoscenze principalmente pratiche e la svolta verso la tecnologia pura, hanno soppiantato le lettere classiche. Eppure, l’uomo è un tutto composto di spirito e materia. Per una vita equilibrata, sono necessarie conoscenze pratiche, prodezze tecnologiche e un’educazione umanistica. Ogni scienziato, autore, artista, tecnico, uomo d’affari o professionista troverà, se si rivolge agli antichi testi greci, un insieme di principi e valori fondamentali riguardanti l’arte, la conoscenza e la vita umana. Acquisiranno una conoscenza che sarà utile nella loro vita professionale e personale. La ricchezza (materiale, mentale, spirituale) aumenterà sicuramente. Come dice Aristotele “tutti gli uomini desiderano naturalmente la conoscenza” (Metaph. 980a22 πάντες ἄνθρωποι τοῦ εἰδέναι ὀρέγονται φύσει). Anche i creatori di denaro sono individui con un desiderio innato di imparare; se decidono di fare conoscenza con l’antica letteratura greca parte dei loro impegni, allora il loro profitto sarà una porta d’accesso alla conoscenza e alla gioia.

Dr Alexandra Rozokoki


Ricercatore di livello A, Accademia di Atene


rozok@academyofathens.gr 


Seleziona Bibliografia

Adrados, F. R., Ιστορία της ελληνικής γλώσσας από τις απαρχές ως τις μέρες μας [Una storia della lingua greca: dalle origini al presente], trad. in greco:
A. Villar Lecumberri, Atene 2003


Konomis, N., «Οι απαρχές των ανθρωπιστικών επιστημών στην Ελλάδα» [Le origini delle discipline umanistiche in Grecia], Atti dell’Accademia di Atene, vol. 89.2 (2014), 119-130


Rengakos, A. (ed.), Νεκρά γράμματα; Οι κλασικές σπουδές στον 21ο αιώνα [Lettere morte ? Studi classici nel 21° secolo], Atene 2002

Fonte: www.odeg.gr

ODEG-ATENE
ODEG-ATENE