IL PENSIERO MEDITERRANEO

Incontri di Culture sulle sponde del mediterraneo – Rivista Culturale online

L’Olimpo, la casa degli dei

di Pompeo Maritati

L’Olimpo, con i suoi 2.917 m, è il monte più alto della Grecia. È situato nella parte settentrionale del paese, tra la Tessaglia e la Macedonia, non lontano dal mare Egeo.

Secondo un’ipotesi dell’astronomo francese de Mairan, scritta nel “Trattato fisico-storico dell’Aurora Boreale”, è proprio l’aurora boreale, vista dai greci pre-omerici nella catena montuosa dell’Olimpo, a determinare il mito sulla nascita della sede degli dei.

Una fitta coltre di nuvole nasconde le porte dell’Olimpo, invisibili agli uomini. Sul monte gli dei si riuniscono nei loro convitti. Da qui Zeus, giudice supremo, stabilisce le sorti degli uomini e degli dei.

L’Olimpo, quindi, sin dall’epoca pre-omerica, è considerato il luogo dove risiedono le maggiori divinità:

Ade, Afrodite, Apollo, Andromeda, Ares, Artemide, Atena, Borea, Crono, Demetra, Dioniso, Ebe, Ecate, Efesto, Elio, Enio, Eolo, Eos, Era, Eracle, Erinni, Eris, Ermes, Eros, Estia, Euro, Gea, Geras, Ilizia, Ipno, Iris, Leto, Moire, Morfeo, Nemesi, Nike, Nyx, Persefone, Poseidone, Rea, Selene, Tartaro, Thanatos, Tiche, Urano, Zeus.

Non poche volte sono passato davanti a questo monte e avendo a suo tempo studiato un po’ la mitologia greca, credetemi, nell’ammirarlo, provavo un certo fascino e attrazione. La fantastica quanto meravigliosa mitologia greca ha segnato per certi versi l’iniziazione alla storia per noi studenti.

Prima tutti gli dei sopra elencati erano soliti scendere sulla terra e interagire con gli uomini e le donne di un tempo. Propiziavano salute, raccolti, carriere, amori e profondi rancori con noi umani.

Chi sa perché da un po’ di tempo non si fanno più vedere.