IL PENSIERO MEDITERRANEO

Incontri di Culture sulle sponde del mediterraneo – Rivista Culturale online

Nella giornata Nazionale sui dialetti, si è tenuto a Roma l’incontro annuale di poesia presso la Sala Italia dell’UNAR

di Maria Pina Ciancio

Martedì 17 gennaio presso la Sala Italia dell’UNAR(Unione Associazioni Regionali Roma)si è tenuto il Reading dei poeti nei dialetti d’Italia residenti nella Capitale, proprio per sottolineare che i dialetti sono un bene culturale immenso da studiare e preservare per continuare a sentire il legame con le radici della nostra cultura millenaria. Oggi, infatti, parlare il proprio dialetto significa essere in possesso di una grande eredità della nostra storia.

L’incontro è stato promosso dall’Associazione Periferie e da Lend Roma con l’adesione dell’Unar (Unione Associazioni Regionali di Roma e del Lazio), dell’Associazione dei Sardi di Roma “il Gremio”, dell’Associazione Pugliese di Roma e della Famiglia Romagnola.

La serata è stata introdotta dai saluti di Vincenzo Luciani (Associazione Periferie), Cristina Polli responsabile del gruppo Lend di Roma e Antonio Maria Masia Presidente dell’UNAR. Ha moderato e condotto l’evento la poetessa romana Anna Maria Curci (Gruppo Lend Roma, redazione rivista “Periferie”).

Di fronte a una platea vasta e attenta, numerosi sono stati i poeti che hanno partecipato al Reading e hanno declamato i loro versi: Leone Antenone (dialetto romanesco), Nicoletta Chiaromonte (dialetto romanesco), Bruno Cimino (dialetto calabrese), Davide Cortese (dialetto siciliano eoliano), Rosaria Di Donato (dialetto romanesco), Stefania Di Lino (dialetto romanesco), Aurora Fratini (dialetto Sambuci, RM), Rosanna Gambarara (dialetto marchigiano), Maria Lenti (dialetto di Urbino), Vincenzo Luciani (dialetto pugliese), Angelo Marzullo (dialetto Terracina, LT), Antonio Maria Masia (sardo), Roberto Pagan (dialetto triestino), Fernando Pelliciardi (dialetto Romagnolo), Luigi Perroni (dialetto Terracina), Lorenzo Poggi (dialetto romanesco), Maurizio Rossi (dialetto romanesco, Maria Pina Ciancio (dialetto lucano), Antonietta Tiberia (dialetto ciociaro), Anna Ubaldi (dialetto romanesco), Paolo Emilio Urbanetti (dialetto romanesco).



Le letture dei poeti nei vari dialetti d’Italia, sono state intervallate da canti della tradizione popolare italiana del Nuovo Coro Popolare diretto dal M° Paula Gallardo Serrao. Al termine delle letture è stato dedicato uno spazio al pubblico che ha rivolto domande e curiosità ai poeti presenti.
L’incontro è stato aperto inoltre ai docenti di ogni ordine e grado come attività di formazione in presenza gratuita.
Di seguito proponiamo una selezione di alcune delle poesie lettere durante la manifestazione:

Eolianu di Davide Cortese (dialetto siciliano eoliano)

Appartiegnu e cieusi russi, e fìlici, a raggìna.

Sugnu da fògghia tunna du càppiru,

du jancu e viola du ciùri sua.

Sugnu da salamìda e du vulcanu.

Appartiegnu o suli,

a rina nìura, o mari, a medusa,

a pùmmici c’un affunna,

all’ossidiana chi tratteni u scuru.

All’isuli mia, o blu.

Iò appartiegnu o blu.

Appartiegnu o luci,

a stati, e ruvetta, e muri.

Appartiegnu o vientu,

a chiddu c’on mori.

EOLIANU-  Appartengo ai gelsi rossi, alle felci, all’uva. / Sono della foglia tonda del cappero,/ del bianco e viola del suo fiore./ Sono del geco e del vulcano./ Appartengo al sole,/ alla sabbia nera, al mare, alla medusa,/ alla pomice che non affonda,/ all’ossidiana che trattiene il buio./ Alle mie isole, al blu./ Io appartengo al blu./ Appartengo al fuoco,/ all’estate, ai rovi, alle more.// Appartengo al vento,/ a ciò che non muore.

***

A guerre di Vincenzo Luciani (dialetto pugliese)

Addrete i tuppe u mare

e addrete u mare

a guerre.

U mare maje ce affije

e manche a guerre.

LA GUERRA – Dietro le colline il mare / e dietro l’Adriatico / la guerra. / Mai si ferma il mare / e neanche la guerra.

***

Prighiera di Aurora Fratini (dialetto di Sambuci, RM)

Patrenostru

damme o’ pa’ ’ella dine

vigliu teo,

che straccumortu carpo alla ter’egliu celo

ndo’ sta’ tune.

Dammegliu ’o pane teo

ch’assorve e che pirdona

che de essa ’ngora addora

davendro a ssa baracca

dagliu nome teo sandificata.

Patrenostru,

a ssa’ calla de’state

’ndo e’ cicare so’ stracch’ello canda’

’e bestie stracche e pascula’

’a mundagna senza sape’ ndo i’

e io straccu ’e nu muri’,

dammegliu ’sso pa’.

Mo’ che i’ tembo segna a partenza

mo’ che sto ’nvaccia agliu murittu

che s’affatta agl’ortu teo.

Patre,

i’ sole da passo alla sera

porteme agliu furnu

ndo’ sendu ’e va’ cantennu

amata mea

allo sfurna’ pegl’angiuli.

Benedici s’urdimu pa’

portame alle mani see

’nvarinat’e nuvoli.

E cuscì sia.

PREGHIERA – Padre nostro / dammi il pane quotidiano, / il tuo, / che faticosamente strappo / alla terra del cielo / dove tu sei. / Dammelo il tuo pane, / che redime e perdona, / che ancora odora di lei, / in questa vecchia casa / santificata dal nome tuo. / Padre nostro / nella calura dell’estate / dove le cicale sono stanche di cantare / le bestie stanche di pascolare / i monti senza meta / e io stanco di non morire, / dammelo questo pane. / Ora che il tempo segna il distacco / ora che sono di fronte al muretto / che affaccia sul tuo orto. / Padre, / il sole cede posto alla sera, / conducimi al forno / dove sento va cantando / la mia amata / mentre sforna per gli angeli. / Benedici quest’ultimo pane / portami alle sue mani / infarinate di nuvole. / Così sia.

***

se pò fa di Rosaria Di Donato (dialetto romanesco)

se pò fà disse la luna

ar sole che sbrilluccicava

io esco de giorno

e tu spunti de notte

così tanto pe cambià

tu ciavrai pe compagne

l’artre stelle e invece io

vedrò le nuvole leggere

piagne cor vento

e li mille colori

de’ l’arcobaleno

.

j’arispose er sole

tu me stai a propone

un antro turno

’no scambio der giorno

co la notte pe confonne

le cose de sto monno

embè disse la luna

pò èsse che scambianno

li fattori er risultato

sia tanto sorprennente

da mutà er còre de la gente.

SI PUO’ FARE _ si può fare disse la luna/ al sole che splendeva/ io sorgo di giorno/ e tu spunti di notte/ così tanto per cambiare/ tu avrai come compagne/ le altre stelle mentre io/ vedrò le nuvole leggere/ piangere con il vento/ e i mille colori/dell’arcobaleno// rispose il sole/ tu mi stai proponendo/un altro turno/ uno scambio del giorno/ con la notte per confondere/ le cose di questo mondo/ beh disse la luna/ può darsi che cambiando /i fattori il risultato/ sia così stupefacente/ da cambiare il cuore della gente.

Sito Web di riferimento: https://poetidelparco.it/