IL PENSIERO MEDITERRANEO

Incontri di Culture sulle sponde del mediterraneo – Rivista Culturale online

Panchine Dante a Carosino ed altro…Invito il sindaco a un confronto in diretta sulla questione…

Di Pierfranco Bruni

Allora!

Poniamo (pongo) delle riflessione sulla questione di ciò che ho definito il “Dante sulle panchine o panchinaro” nella comunità di Carosino, considerate alcune sottolineature fuori tema che imperversano senza una ragione d’essere argomentativa. Resto del parere, da esperto Mic e non da uomo della strada, che è un cattivo gusto quello delle panchine come omaggio a Dante. Più volte mi sono soffermato su ciò.

Ma scendo dal mio piedistallo, dai miei libri, dal mio impegno culturale istituzionale di oltre 40 anni. Chiedo ufficialmente un confronto libero “democratico” e pubblico, sui social (o in presenza) esclusivamente in diretta, al primo cittadino, ovvero al sindaco in persona, sui temi specifici che interessano Dante e la questione Carosino.

1. Il progetto. quanto è costato.

2. Perché si sono sbiadite le parole sulle panchine.

3. Chi risponde di ciò. .

4 Chi ha scelto i versi e per quale motivo determinati versi. .

5 Chi ha scelto il luogo dove posizionarle e perché..

6 I progetti su Dante sono argomenti del Mic della Società Dante Alighieri Nazionale e della Pubblica Istruzione in collaborazione con organismi locali. I borghi sono beni culturali e quindi occorre una politica integrata sulla cultura patrimoniale urbanistica paesaggistica tout court.

7. Gli obiettivi di tale iniziativa e le prospettive culturali ed economiche progettuali.

8 Confronto a tutto tondo e spiegazione dei e sui versi, sbiaditi, scritti sulle panchine (un sindaco deve sapere e conoscere il valore politico e letterario, estetico e linguistico del linguaggio che si propone alla cittadinanza), ovvero un bel confronto su Dante tra il sindaco e il sottoscritto per motivare la scelta, altrimenti non avrebbe senso il progetto.

9. Può un amministratore pubblico, sindaco, scegliere la propria moglie, pur essendo la massima esperta, a relazionare su una iniziativa organizzata dalla amministrazione che presiede? Lungi da me a pensare ad altre situazione. Appartengo alla cultura della libertà. Certo é tutto gratuito, ne sono più che convinto. Arciconvinto. Ma é Kant che mi fa riflettere sulla filosofia della morale…

10. Confronto su Dante tra didattica e coinvolgimento “pop” nella comunità.

11. La cultura è un Valore o una prerogativa, una tutela o una valorizzazione o una fruizione.

12. Il ruolo dei Comuni nel campo dei beni culturali, perché Dante e la sua lingua sono un bene culturale.

13. Dante tra cultura popolare ed epistemologia a Carosino.

14. La metafora delle panchine.

15. Cosa rappresenta Dante oggi.

Ecco, punti di estrema facilità e così si potranno sgombrare equivoci, contraddizioni, conflitti, paradossi, metafore ed altro che il linguaggio ha potuto innescare.Io sono sempre pronto a queste legittime forme dialettiche. Per meglio capire, per meglio far capire e per chiarire ciò che il marchese del grillo ci ha insegnato. La bellezza della parola è una estetica ma anche un contenuto.Un confronto completamente a braccio e in diretra tra il sindaco e me. Perché il sindaco è la piu alta espressione istituzionale della municipalità.

Resto in attesa a distanza sempre, in presenza appena rientro dai miei convegni all’estero, ma presto.

L’importante è che sia un confronto alla luce della luce tra me e il primo cittadino.

Con il dovuto rispetto.

Pierfranco Bruni*v. Presidente Nazionale Sindacato Libero Scrittori Italiani, Roma

Panchine di Carosino su Dante
Panchine di Carosino su Dante