IL PENSIERO MEDITERRANEO

Incontri di Culture sulle sponde del mediterraneo – Rivista Culturale online

Preghiera in dialetto siciliano alla Madonna della Cava, patrona di Marsala

di Giovanni Teresi

Maria Santissima della Cava di Marsala detta anche Madonna della Cava di Marsala o sinteticamente solo Madonna della Cava è un appellativo e titolo mariano con il quale si venera la Santa Beata Maria Vergine nella città di Marsala, del quale è la Patrona principale e speciale protettrice della città e santa protettrice dei marsalesi, assieme al compatrono della città e protettore dei marsalesi San Giovanni Battista, e al vice patrono della città, comprotettore dei marsalesi e patrono del porto di Marsala San Francesco di Paola.

simulacro Madonna della cava a Marsala

Il simulacro

L’immagine della Madonna della Cava è una statuetta di appena18 cm che, ad oggi, non è stata ancora oggetto di analisi scientifiche per determinarne materiale ed età. Raffigura la Vergine che porge un piccolo pane al figlio che tiene in braccio e che ricambia il suo tenero sguardo. Numerose sono le teorie che gli storici locali hanno elaborato per spiegarne le origini: per alcuni sarebbe stata opera della Sibilla Cumana; per altri sarebbe stata portata in città da San Pietro durante il suo viaggio verso Roma; taluni, infine, riportano la legenda secondo la quale la statuetta si fosse formata da un pugno di ghiaccio tra le mani del vescovo lilibetano San Gregorio (fine III-inizi IV sec.), durante una tempesta. Elemento spesso ricorrente nelle fonti, inoltre, è la natura ultraterrena del simulacro, sia perché agli occhi degli esperti appariva composto di una materia sconosciuta, per il suo potere miracoloso e, infine, per la sua presunta capacità di spostarsi da un luogo ad un altro. Pur non avendo ancora delle conferme da studi ufficiali, sembra comunque abbastanza probabile che si tratti di un prodotto in alabastro o stalattite, ispirato forse dal modello trecentesco della Madonna di Trapani.

Preghiera alla Madonna della Cava di Marsala in lingua siciliana:

MARUNNUZZA DI LA CAVA

Marunnuzza di la Cava,
dati aiutu a cu’ Vi chiama!
Iu Vi chiamu ‘n casa mia
Dati aiutu all’aima mia!
E si amia succeri dannu,
Matri, a Vui mi arriccumannu!
Si lu populu è divotu,
Diu ‘nniscanza d’u tirrimotu!
Si a Maria facemu festa,
Diu ‘nni libbira da timpesta!
Si priamu c’u cori piu,
Diu ‘nni d’u castiu!
E priamu a Maria
Chi ‘nnassista a l’agunia!
E priamu a Mmacculata,
Chi ‘nnassista a la Jurnata!

E priamu a Patri Eternu,
Chi ‘nni libira da u ‘nfernu!
Cara nostra Mmagginedda
di Marsala, la hiù bedda!
Dati aiutu ed assistenza
Pi nui fari pinitenza!
Pi stu Fgghiu, Ch’aviti ‘nmrazza
Cunciditici la razzia!
E la razzia, ch’iu vurria
è: sarvari l’aima mia!
oh! Ch’è bedda! Ch’è suava!
Viva la Matri di la Cava!
Salve, Regina! …..

Sui grani Piccoli
1. E decimila voti ludamu Maria di la Cava!
Ludamula tutti l’uri ch’è Virgini e Matri
di nostru Signuri!
2. E vintimila voti ludamu Maria di la Cava!
Ludamula tutti l’uri ch’è Virgini e Matri
di nostru Signuri!
3. E trentamila voti ludamu Maria di la Cava!
Ludamula tutti l’uri ch’è Virgini e Matri
di nostru Signuri!
4. E quarantamila voti ludamu Maria di la Cava!
Ludamula tutti l’uri ch’è Virgini e Matri
di nostru Signuri!
5. E cinquantamila voti ludamu Maria di la Cava!
Ludamula tutti l’uri ch’è Virgini e Matri
di nostru Signuri!
Maria di la Cava, fustivu ruvata
n puzzu funno, a nui Matri dunata;
A Marsala sii d’u Celu scinnuta,
Dai notri nanni Paruna eliggiuta!
Di la Cava, Maria, Matri d’Amuri!
A Vui dugnu l’aima e a Gesù u me cori!
oh! Ch’è bedda, oh! ch’è suava!
Viva! la Matri di la Cava!