27 Novembre 2020

IL PENSIERO MEDITERRANEO

Rivista Culturale online

Sul contributo di approcci sperimentali nell’informare la nostra comprensione della cognizione sociale

image_pdfimage_print

Giorgio Donadei

Come decidiamo se qualcuno è un amico? Come facciamo a sapere come comportarci in una data circostanza? Queste sono solo due delle tante domande che di solito ci affrontano durante la nostra vita.

La cognizione sociale si occupa di come  veniamo a conoscere e interagire con  l’ambiente sociale in cui siamo incorporati..

In questo saggio parlerò di come l’approccio sperimentale ci ha aiutato a comprendere una serie di questioni in materia di cognizione sociale; per esempio, come l’incompletezza dell’informazione si rifletta negli  “schemi sociali”  e nelle ” ‘attribuzioni comportamentali ”    e come a volte siamo troppo fiduciosi nei  nostri  giudizi  e  influenzati dalla  ‘razionalità limitata’..

Mentre il contributo dell’approccio sperimentale  è indubbiamente importo, la natura “sociali”della sua indagine produce alcune carenze rilevanti che saranno esaminate.

La cognizione sociale indaga i processi cognitivi, come la percezione, il riconoscimento e il processo decisionale, che ci permettono di percepire e interagire con l’ambiente sociale. Il fare questo, attinge da metodi e concetti del filone di elaborazione delle informazioni della psicologia cognitiva e li applica a oggetti sociali come persone, comportamenti ed eventi. In fatto, mentre it può essere sostenuto che i processi cognitivi  cambiano in modo significativo quando si tratta di oggetti sociali piuttosto che fisici, ci sono alcune importanti analogie.

Gregorio (1980) ha affermato l’importanza della conoscenza dall’alto verso il basso nel  “costruire”  l’ipotesi percettiva che porta a come vengono percepite le nuove informazioni; un esperimento di Darley and Gross (1983) ha dimostrato come  questa  conoscenza influenzi gravemente anche la percezione sociale. I partecipanti sono stati presentati con un video di Hannah, un’attrice che, nelle due condizioni sperimentali, fingeva di essere di alto o basso status socio-economico. Un video successivo ha mostrato Hannah rispondere a una serie di domande in modo tale che non è stato possibile valutare con precisione le sue prestazioni. Ai partecipanti è stato poi chiesto di valutare la performance di Hannah; quelli presentati con l’alta condizione di status socio-economico ritenevano che le prestazioni di Hannah fossero più rispettose dei partecipanti presentati con la seconda condizione sperimentale. Chiaramente i partecipanti avevano usato le loro conoscenze precedenti  per formare un pregiudizio su Hannah e hanno finito per interpretare il secondo video in modo tale da confermare questa aspettativa: maggiore è lo stato socio-economico, migliore è l’istruzione e quindi la performance.

È possibile concludere che si commette abitualmente  errori nel percepire gli altri? Un problema significativo nellapercezione della cittàè l’incompletezza delle informazioni a nostra disposizione: mentre le proprietà di un oggetto fisico, come una bottiglia d’acqua, sono  solitamente  facili da  determinare,  la comprensione in ogni sità  di un’altra persona è  impossibile..  Questo problema è conto utilizzando  glisschemiociali  schemasdi. Si  tratta di strutture di conoscenza relative a un particolare oggetto sociale: quando incontriamo una nuova istanza di  questo oggetto, lo assegniamo alla categoria pertinente; questo processo ci permette dicolmare molto rapidamente le lacune di informazione  associandoci a conoscenze dall’alto verso il basso relative a quella categoria  e quindi a emettere giudizi più rapidamente.  

Il problema qui è che questa conoscenza è un riflesso della nostra esperienza che a sua volta è molto limitata; cercare di conciliare ogni istanza di un nuovo oggetto sociale con l’informazione congruente a ciò che è nel passato, ci rende inclini a pregiudizi e di errore quando  s’incontra  qualcosa di diverso. Anche  se questo compromesso deve essere considerato, la categorizzazione schematica ha indubbiamente un alto valoredi sopravvivenza :fo esempio, non ci saranno due casi delle categorie  “persona pericolosa”  o “situazione pericolosa”  e la ricerca di una corrispondenza perfetta prima di adottare le contromisure appropriate ci esporrebbe sicuramente a situazioni rischiose.

L’incompletezza delle informazioni si riflette anche  nelle teorie di attribuzione del comportamento ; quando osserviamo il comportamento di altrepersone, cerchiamo di valutare la spiegazione causale dietrodi essa , se ilcomportamento può essere attribuito  a fattori interni all’attore o a qualcosadiesterno. Come risulta, we sono di solito orientati verso le attribuzioni interne (‘errore di attribuzione fondamentale’, FAE) in quanto questi ci permettono di classificare  meglio  l’attore in uno schema sociale e quindi di associare nuove informazioni utili per prevedere il suo comportamento futuro.

McArthur (1972) condusse un esperimento di test del modello di covariazione di Kelley (1967),  in questo modello, la spiegazione causale è assegnata a fattori interni o esterni sulla base di tre variabili – consenso, coerenza e distintività  (CCD)-  che dovrebbero catturare pienamente  l’interazione tra attore, azione e situazione. L’experiment è stato condotto utilizzando vignette, tra cui una rappresentazione concisa  di un evento comportamentale  e  le relative  informazioni CCD; questo è stato fatto per esercitare il massimo controllo possibile sulle informazioni CCD. I risultati hanno confermato la presenza del  FAE,  tuttavia è importante considerare i limiti di questo studio e se il  FAE è un  errore a tutti. In primo luogo,  la natura dell’esperimento finisce per definire una chiara corretta attribuzione comportamentale; tuttavia,  nella vita reale,  tale  ‘soluzione’ non è mai evidente e fattori interni ed esterni si intrecciano quando influenzano le nostre decisioni. In secondo luogo, anche se c’è una  soluzione, non dovremmo sempre essere tenuti  a  trovarlo,né questo potrebbe essere il nostro obiettivo. Infatti, gli esseri umani le capacità di elaborazione sono limitate e influenzate dalla soggettività; questi  due  fattori, insieme con  l’incompletezza dell’informazione,  vincolano gravemente la nostra razionalità,  ma non ci rendono irrazionali o inefficienti. Simon (1956) definì questa caratteristica umana come  “razionalità limitata”.

L’approccio sperimentale ha anche identificato un’altra questione che riguarda il processo decisionale umano: l’eccesso di fiducia. Nel primo di una serie di  test  e di esperimento,  Fischhoff  e Lichtenstein (1977) hanno mostrato ai partecipanti 12 disegni per bambini e chiesto loro un) per dire se i disegni provenivano dall’Europa o dall’Asia e b) quanto fossero sicuri (in termini di probabilità)  di esprimere il giusto giudizio. I partecipanti erano precisi il 53% delle  volte, tuttavia il loro livello di fiducia era del 68%, mostrando quindiun eccesso di fiducia.

Questo risultato mostra ancora una volta un pregiudizio umano, tuttavia la suaerpretazione int non è chiara; l’eccessiva fiducia potrebbe essere pericolosa in alcuni casi, ad esempio quando si valuta il rischio di eventi estremi negativi, mentre    potrebbe essere utile in altri,  ad esempio fornendo una certa motivazione per intraprendere attività incerte  che possono migliorare la  forma fisica  evolutiva  (chiedere a qualcuno in una data, richiedere un nuovo lavoro, ecc …) e aumentando l’autostima.

La validità ecologica di questo esperimento è un problema; valutare l’origine di un disegno non è un’attività molto comune e quindi, quando si avvicina ad esso, l’atteggiamento dei partecipanti può essere diverso rispetto a ciò che ci si aspetterebbe in una  situazione di vita reale . Infatti,  Ronis  e Yates  (1987) hanno scoperto che l’eccesso di fiducia è maggiore quando si valutano le domande comuni di conoscenza; diversi studi (Keren,  1987; Lichtenstein,  Fischhoffe Phillips, 1982; Murphy e Brown, 1984; Murphy e  Winkler, 1984) hanno dimostrato che l’eccessiva fiducia nello svolgimento di attività di vita reale è significativamente ridotta quando la persona è un esperto nel ruolo, evidenziando ancora una volta il ruolo principale svolto dalla conoscenza dall’alto verso il basso.

Il tema comune tra gli schemi sociali, l’attribuzione consueta  e le teorie decisionali  analizzate qui  è il nostro tentativo di affrontare la limitata capacità del nostro processore centrale,portandoci a errori e pregiudizi nella percezione. Fiske e Taylor (1991) hanno definito questo tipo di perù socialeption come il modello “avaro cognitivo”;; inseguito, tuttavia,  sono giunti alla conclusione che una definizione più adatta per il percepitore umano sarebbe stata “tattica motivata”. Questo modello implica che, a seconda della situazione, delle possibili ricompense e dei rischi intrinseci che affrontiamo,  possiamo optare per diverse strategie cognitive. .

Per esempio, Gigerenzer  e Goldstein (1996) hanno dimostrato che l’euristica “veloce e frugale” (veloce poiché mirata a prendere una decisione rapidamentee  frugale perché farlo senza utilizzare tutte le informazioni pertinenti) può essere molto efficace nel prendere la decisione corretta in determinate situazioni in cui l’utilizzo di tutte le informazioni disponibili porterebbe  a confusione o a ritardi.

Viceversa, un esperimento di Ruscher  et al. (2000) ha dimostrato che a volte cerchiamo di arricchire la nostra percezione  concentrandociing sulle informazioni in conflitto con le nostre conoscenze memorizzate;;  nell’esperimento, formare una visione più accurata del partner nella condizione interdipendente può essere visto come uno strumento non solo per eseguire meglio nel compito (sapere di più sul partner consente un migliore coordinamento), ma anche per ridurre l’incertezza (e quindi l’ansia)  insita nell’essere dipendenti da qualcun altro che non conosciamo.

Va osservato che tutti gli esperimenti qui discussi hanno coinvolto  partecipanti provenienti da società occidentali equindi, poiché la conoscenza dall’alto verso il basso che influenza la nostra cognizione è socialmente costruita, i risultati sono culturalmente specifici. Ad esempio,  il rapporto tra status socio-economico e livello di istruzione potrebbe non valere per diverse culture; I paesi asiatici sono molto meno individualisti e quindi ci si potrebbe aspettare che l’eccesso di fiducia sia meno significativo; la FAE potrebbe scomparire a causadella salienza percettiva sulle caratteristiche dei gruppi sociali a cui appartiene l’individuo,piuttosto che daparte sua..

In questo saggio ho discusso di come l’approccio sperimentale ci abbia aiutato a capire come l’incompletezza dell’informazione si rifletta negli schemi sociali e nelle teorie dell’attribuzione dei comportamenti e come i nostri giudizi sono talvolta troppo fiduciosi e influenzati dalla razionalità delimitata.

Le principali carenze dell’approccio derivano dalla natura sociale della sua indagine. In primo luogo, gli oggetti sociali sono influenzati da una moltitudine di fattori interconnessi; ricreare tale complessità in laboratorio è impossibile e quindi la validità ecologica dell’approccio diventa altamente discutibile. In secondo luogo, la natura degli esperimenti usually comporta una soluzione esatta  che,,  in realtà,, spesso non esiste e che, poiché siamo esseri umani piuttosto che “scienziati”, potremmo anche non essere interessati. Infine, poiché la maggior parte degli studi sono stati condotti utilizzando campioni provenienti da società occidentali, i risultati  sono culturalmente specifici..

In conclusione, il contributo dell’approccio sperimentale alla comprensione dellacognizione soc è stato  molto importante, tuttavia si dovrebbe usare cautela quando si estrapolano  i risultati degli studi sperimentali al mondo reale.


Riferimenti

Darley, J.M. e Gross, P.H. (1983) ‘Un pregiudizio che conferma l’ipotesi negli effetti di etichettatura’, Journal of Personality and Social Psychology,vol.44, pp.20–33.

Fischhoff, B. e Lichtenstein, S. (1977) “Chi sa di più sa anche di più su quanto sanno?”, Comportamento organizzativo e prestazioni umane,vol.20, pp.159–83.

Fiske e Taylor (1991) Social Cognition  (2nd edn) New York, McGraw Hill.

Gigerenzer, G. e Goldstein, D.G. (1996) ‘Ragione ggio alla velocità e frugale: Modelli di razionalità limitata’, Psychological Review, vol.103, pp.650–69.

Gregory, R.L. (1980) ‘Percezioni come ipotesi’, Philosophical Transactions della Royal Society of London, SerieB, vol.290, pp.181–97.

Kelley, H.H. (1967) ‘Teoria dell’attribuzione in psicologia sociale’, in Levine D. (ed.) Nebraska Symposium on Motivation, vol.15, Lincoln, NE, Università del Nebraska Press.

Keren, G. (1987) “Affrontare l’incertezza nel gioco del bridge: A calibrazione studio”, Organizational Behaviour e Human DecisionProcesses,  vol. 39,  pp. 98-114.

Lichtenstein, S., Fischhoff, B. e Phillips, L. D. (1982)  ‘Calibrazione delle probabilità: lo stato dell’arte fino al 1980’, a Kahneman, D., Slovic, P. e Tversky, A. (eds. ),  Giudizio sotto l’incertezza: euristica e Biases,  Cambridge, Cambridge University Press.

McArthur, L.A. (1972) “Il come e cosa del perché: alcuni determinanti e conseguenze dell’attribuzione causale”, Journal of Personality and Social Psychology,vol. 2, pp.171–93.

Murphy, A.H. e Brown B.G. (1984)  ‘Unavalutazione comparativa delle previsioni meteo oggettive e soggettive negli Stati Uniti’,  Journal of Forecasting,  vol. 3,  pp. 369-393.

Murphy, A. H. e Winkler, R. L. (1984),  ‘Previsione di probabilità in meteorologia’,  Giornale dell’American Statistical Association, vol. 79,  pp. 489-500.

Ronis, D. L., e Yates, J. F. (1987)  ‘Components di precisione del giudizio di probabilità: coerenza individuale ed effetti della materia e metodo di valutazione’, Comportamento organizzativo e processi decisionali umani,  vol. 40,  pp. 193-218.

Ruscher, J.B., Fiske, S.T. e Schnake, S.B. (2000) ‘L’atto di giocoleria del tattico motivato: obiettivi di impressione compatibili contro incompatibili’, British Journal of Social Psychology,vol.39, pp.241–56.

Simon, H.A. (1956) ‘Scelta razionale e struttura dell’ambiente’, Psychological Review, vol.63, pp.129–38.

Giorgio Donadei

Nato a Lecce il 27 maggio 1983, ha sempre dimostrato vivo interesse e inclinazione per le lingue e civiltà straniere, per la poesia, la psicologia, la matematica e l’economia.
Dopo aver conseguito brillantemente il diploma di maturità, nella sezione di sperimentazione linguistica, presso il Liceo Scientifico Vallone di Galatina nel luglio del 2002, si è iscritto all’Università Bocconi di Milano al Corso di Laurea in Economia delle Istituzioni e dei Mercati Finanziari, conseguendo la laurea in Economia dei Mercati Internazionali il 9 settembre 2005.

Nel 2004 aveva già vinto una borsa di studio per frequentare un corso estivo di Economia finanziaria  presso l’Università di Austin nel Texas.

All’Università Bocconi di Milano ha completato  gli studi in Management delle Istituzioni e Mercati Internazionali ottenendo cum laude la laurea specialistica  il 27 marzo 2008.   Ha seguito con profitto  master in Economia e Finanza, nonché in Psicologia Cognitiva presso la Middlesex  University of  London.

Conseguita la specializzazione in Risk Managment, è stato assunto dall’Istituto bancario Barclays di Londra e  in seguito da J.P. Morgan Asset Management.  Dopo le esperienze manageriali presso la Deloitte Touche in U.K. e presso  Bank of England, attualmente è dirigente della Credit Suisse di Londra.                                    

Felicemente coniugato con Sarah nel 2016, è un tenero padre di Matteo di tre anni e Lorenzo di un anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Controllo *Time limit exceeded. Please complete the captcha once again.