IL PENSIERO MEDITERRANEO

Incontri di Culture sulle sponde del mediterraneo – Rivista Culturale online

“Cats” il Musical dei gatti all’ombra del Colosseo

5 min read

Per la prima volta il musical di Andrew Lloyd Webber è ambientato a Roma. Tra reperti archeologici e lo sfondo del Colosseo gatti e gattine si divertono, piangono e sognano un mondo migliore.

di Gabriele Zompì

Grande successo al Teatro Europauditorium di Bologna del musical “Cats”, andato in scena dal 1 al 4 febbraio. “CATS” è la grande Produzione della PeepArrow Entertainment in collaborazione con il Teatro Sistina – su licenza esclusiva The Really Useful Group, London – firmata dal più attivo e creativo Regista, produttore e adattatore di Musical italiano, Massimo Romeo Piparo.


Il musical, ideato da Andrew Lloyd Webber ha battuto tutti i record di longevità, spettatori e incassi. E’ stato visto da oltre 73 milioni di persone e ha affascinato il pubblico in oltre 300 città nel mondo.
E’ la storia di una colonia di gatti umanizzata che cantano e ballano tra le rovine della città eterna, avendo sullo sfondo l’imponente immagine del Colosseo.

Per la prima volta al mondo, il “Cats” di Massimo Romeo Piparo ha ottenuto dall’autore l’autorizzazione ad essere ambientato a Roma, in una ipotetica e futuristica “discarica” di opere d’arte e di reperti archeologici, nei quali i gatti e le gattine si infilano, appaiono e scompaiono con eleganza e movimenti felini.

Questa in breve la trama, tratta dal libro di Thomas Stearns Eliot dal titolo “Old Possum’s Book of Practical Cats”:
In una speciale notte dell’anno, tutti i gatti del Jellicle si incontrano al Ballo Jellicle dove Old Deuteronomy (Fabrizio Corucci) il loro saggio e benevolo capo, sceglie e annuncia chi di loro potrà rinascere a una nuova vita da Jellicle. Ma la festa felina è turbata da due eventi: il rapimento di Old Deuteronomy e l’apparizione di Grizabella (Malika Ayane/Chiara Canzian, figlia di Red, componente dei Pooh), l’affascinante gatta-glamour che, dopo aver lasciato i Jellicle per esplorare il mondo, soffre l’esclusione e il rifiuto del branco e lancia il suo appello disperato e malinconico con la struggente “Memory”.

Altri personaggi sono: il vecchio Gus (Fabrizio Angelini), un tempo celebre per la sua carriera di attore e l’appariscente Rum Tum Tugger (Giorgio Adamo), che vuole sempre essere al centro dell’attenzione. E ancora, il geniale Munkustrap (Sergio Giacomelli), che mette il suo coraggio a disposizione di tutti i membri della tribù, Mr. Mistoffelees (Pierpaolo Scida), il gatto ‘in smoking’ capace di compiere strabilianti magie, Bustopher Jones (Jacopo Pelliccia) e l’inseparabile coppia Mungojerrie (Simone Ragozzino) e Rumpleteazer (Rossella Lubrino).


Le canzoni e i balletti sono accompagnati dal vivo dall’ orchestra diretta dal Maestro Emanuele Friello. Le scene sono di Teresa Caruso, mentre i costumi di Cecilia Bertona.
Lo spettacolo è diviso in due parti, la prima di “introduzione”, dove i tempi e le vicende sono più rilassate e distese; la seconda invece ha un ritmo decisamente più dinamico e coinvolgente, supportato anche da effetti visivi e luci a led che arricchiscono e colorano la scena.


Il pubblico è coinvolto anche fisicamente dai ballerini che scendono in platea e si aggirano “con fare felino” proprio tra le poltrone degli spettatori. Il tutto accompagnato dalla colonna sonora eseguita dal vivo e da giochi di luci in sala.
Il musical prosegue la sua tournèe a Trieste, Firenze e Reggio Emilia. Per conoscere le date e per tutte le altre curiosità e informazioni si può consultare il sito dedicato: www.cats-italia.it

Rivista online Il Pensiero Mediterraneo - Redazioni all'estero: Atene - Parigi - America Latina. Redazioni in Italia: Ancona - BAT - Catania - Cuneo - Firenze - Genova - Lecce - Marsala - Milano - Palermo - Roma - Trieste. Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.