IL PENSIERO MEDITERRANEO

Incontri di Culture sulle sponde del mediterraneo – Rivista Culturale online

9.000 opere e palazzi storici, ecco il patrimonio Inps al Salone del Libro di Torino

5 min read
Salone del libro di Torino

Salone del libro di Torino

9.000 opere e palazzi storici, ecco il patrimonio Inps Al Salone del Libro di Torino volume dedicato a Piemonte e lancio progetto digitale Torino – Circa 9.000 opere d’arte e svariati palazzi storici diffusi su tutto il territorio nazionale. E’ il patrimonio artistico e culturale dell’Inps che si è tramandato nei 125 anni di storia dell’Istituto grazie alla cura e all’attenzione delle persone che vi lavorano. Un patrimonio composto da opere di grande valore, realizzate da artisti più o meno noti, che spesso sono poco conosciute e, seppur esposte all’interno degli uffici, non sono accessibili al pubblico. Ed è proprio per far conoscere questo patrimonio e valorizzarlo che la Direzione centrale comunicazione dell’ente ha promosso la collana ’20 Opere per 20 Regioni’, una pubblicazione che presenta, per ogni sede dell’Istituto, una selezione delle opere d’arte più significative. Una sorta di viaggio nel patrimonio storico e culturale dell’Inps in cui ogni volume è dedicato a una regione. Un viaggio che questa mattina ha fatto tappa a Torino, con la presentazione, nell’ambito del Salone internazionale del libro, di ‘Inps e Arte – Piemonte’, terzo volume della collana dedicato al patrimonio di opere d’arte che l’istituto conserva nelle sedi regionali e provinciali piemontesi.”Mi piace immaginare queste opere d’arte all’interno delle nostre sedi come testimoni silenziose delle trasformazioni sociali che sono avvenute nel tempo- ha detto Filippo Bonanni, direttore regionale Inps Piemonte– Sono opere che, per decenni, hanno assistito al lavoro dei nostri dipendenti ma anche al transitare nelle nostre sedi degli utenti che, nel tempo, hanno avuto bisogno dei nostri servizi”. Il volume presenta venti opere d’arte che vanno da ‘Dafne e Apollo’ di Claudio Francesco Beaumont, all’olio su tela ‘Paesaggio’ di Arturo Pividori.”Le creazioni artistiche contenute nella raccolta- ha spiegato Bonanni- sono frutto di anni di acquisizioni, donazioni e collaborazioni con artisti locali e nazionali, che hanno contribuito ad arricchire il nostro ambiente di lavoro in Piemonte, a ispirare chiunque abbia avuto il privilegio di ammirarle, questo perché l’arte non è solo bellezza e creatività, è anche un ponte che collega le generazioni, dimostrando come possa essere un veicolo di conoscenza e di crescita sociale, linguaggio universale che parla direttamente al cuore”.Un obiettivo, quello di promuovere e valorizzare la conoscenza del proprio patrimonio artistico e culturale, che l’ente punta a perseguire anche attraverso il progetto ‘Inps arte e cultura’. “Si tratta di un’iniziativa che prevede la realizzazione di una piattaforma di comunicazione digitale, multidisciplinare e multicanale con lo scopo di valorizzare il patrimonio artistico e le iniziative culturali dell’Istituto oltre a promuovere gli eventi, stimolandone la creazione di nuovi e conservandone la memoria”, ha sottolineato Diego De Felice, direttore centrale della comunicazione Inps.Un progetto di valorizzazione e divulgazione delle opere d’arte dell’Istituto e delle sue eccellenze patrimoniali “che punta anche a creare uno spazio di dibattito. Tra qualche mese speriamo di poter presentare il primo prototipo della piattaforma”, ha concluso De Felice.
 

Rivista online Il Pensiero Mediterraneo - Redazioni all'estero: Atene - Parigi - America Latina. Redazioni in Italia: Ancona - BAT - Catania - Cuneo - Firenze - Genova - Lecce - Marsala - Milano - Palermo - Roma - Trieste. Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.