IL PENSIERO MEDITERRANEO

Incontri di Culture sulle sponde del mediterraneo – Rivista Culturale online

L’esperienza sensibile di Grazia Varisco alla Fondazione Biscozzi Rimbaud di Lecce

6 min read

La Fondazione Biscozzi Rimbaud di Lecce ospita, dal 9 ottobre 2022 all’8 gennaio 2023, Sensibilità percettive, l’avventura singolare di Grazia Varisco, l’artista milanese di rara sensibilità che ha incarnato tutta la sua cifra stilistica attraverso i differenti linguaggi del dubbio e del gioco con la costante di rendere partecipe co-creatore lo spettatore.

L’artista

Grazia Varisco nasce nel capoluogo lombardo nel 1937; nel 1959-1960 affianca i colleghi Giovanni Anceschi, Davide Boriani, Gianni Colombo e Gabriele Devecchi nell’avventura avanguardistica del Gruppo T, col quale formula e supera l’interpretazione estetica del concetto cinetico con il miriorama, indirizzandosi sull’idea della variazione dell’immagine nella sequenza temporale. È in questo frangente che si inseriscono le tavole magnetiche presenti alla mostra leccese: Tavola magnetica a elementi quadrati (1959) e Tavola magnetica trasparente ”Filamenti liberi” (1960).

Tavola magnetica a elementi quadrati, 1959, tavola in ferro, dc-fix nero, elementi quadrati con calamita, 59 x 59 cm

Ma prima di procedere con la parabola artistica di Grazia Varisco, meritano di essere menzionati altri capolavori della stagione cinetica dell’artista: Oggetto cinetico luminoso (1962), Variabile + Quadrionda 130, Sacchiera nera (1964), +Rossonero- (1968) e Oggetto ottico-cinetico (1968-1969).

Grazia Varisco alla Fondazione Biscozzi Rimbaud di Lecce
Oggetto cinetico luminoso, 1962, legno, perspex, neon, motore elettrico, 68,5 x 68,5 cm
Oggetto cinetico luminoso, 1962, legno, perspex, neon, motore elettrico, 68,5 x 68,5 cm

Qui, come scrive Paolo Bolpagni, direttore scientifico e curatore della mostra:

Per Grazia Varisco è anche un invito al gioco, ma la componente ludica, che pure è presente e importante, non esaurisce il significato di questi lavori, che implicano la partecipazione attiva dello spettatore e la moltiplicazione delle possibili configurazioni dell’opera stessa, che perde la sua aura di compiutezza definitiva.

Dopo il Gruppo T

Dopo l’esperienza del Gruppo T, Grazia Varisco, contribuisce in solitaria con la sua ricerca artistica, sperimentando dagli anni Settanta la manipolazione libera della carta e del cartoncino e l’apertura programmatica all’azione perturbante del caso, mantenendo sempre al centro l’analisi dei meccanismi percettivi. Da qui, trovano la propria genesi le serie di Extrapagine e di Extralibri, presenti alla mostra con Meridiana 2 (1974), Extralibro (1975), Spazio potenziale (1976) ed Extrapagina ”Spartito musicale” (1977).

Extralibro, 1975, cartone, cartoncino monolucido, pennarello nero, 72 x 75 cm

Successivamente, nella seconda metà degli anni Ottanta, la Varisco crea il ciclo Fraktur, con l’osservazione degli angoli di raccordo tra due o tre piani ortogonali e uno studio delle soglie e delle disarticolazioni. In tal senso, occupano gli spazi espositivi della Fondazione, Implicazioni B (1986), Incastro giallo (1987) e Fraktur-Ferro I (1997).

Implicazioni B, 1986, legno, cartoncino, un elemento in alluminio verniciato bianco, 49 x 49 cm

Sempre tenendo come punto di riferimento la mostra, approdiamo al nuovo millennio con Quadri comunicanti (2008) e Filo rosso (2009).

Ultima opera, non per importanza ma per cronologia, Silenzi (2006), un’articolazione di piani e vuoti prodotta dalla sovrapposizione di semplici telai: un altro salto concettuale per interpretare il mondo di un’artista visionaria e ad alto tasso di creatività.

Uno sguardo critico

Varisco Lecce seconda sala 2 ©Foto Francesco Conti

Dalle esperienze con il Gruppo T, Grazia Varisco, dona all’ambiente culturale italiano ed europeo, l’incipit di un’arte rinnovata: il suo operato lo vediamo farsi testimonianza di una sensibilità pura, con memorie percettive e sperimentali.

Per l’artista milanese, l’arte è completo coinvolgimento, donazione allo spettatore e quindi, gioco e condivisione.

La sacralità del dubbio e delle infinite percezioni che può offrire la creatività umana.

Nelle opere di Grazia Varisco si incarna la spiritualità del contemporaneo dove l’arte possiede un ruolo determinante, fondamentale.

Un’arte utilizzata come medium espressivo dedito all’equilibrio dialettico e costante col pubblico.

In altre parole, in Grazia Varisco e nella sua produzione artistica troviamo una sintesi linguistica sempre attuale e unica, senza trascurare la poetica variabile ed espressiva dei materiali impiegati come la carta o il ferro che diventano simboli di movimento ed individualità sensibile.

Elementi questi, che mettono in comunicazione le percezioni umane come riflesso di un’arte a disposizione di tutti, tra meditazione e silenziosa contemplazione.

Grazia Varisco perciò, offre attraverso la sua arte, un contesto contemporaneo che instilla dall’esperienza con il Gruppo T al dialogo con lo spettatore, il senso mai negato della varietà di percezioni che non si consuma nel presente ma con la validità della creatività individuale.

Info e contatti

Fondazione Biscozzi | Rimbaud
Piazzetta Baglivi, 4
73100 Lecce
Tel. +39 0832 1994743
info@fondazionebiscozzirimbaud.it
segreteria@fondazionebiscozzirimbaud.it

UFFICIO STAMPA |

Lucia Crespi
Tel. +39 02 89415532 / +39 02 89401645
lucia@luciacrespi.it

DIDATTICA |

34° fuso APS
Tel. +39 3278773894
34fuso@gmail.com 
https://www.facebook.com/34fuso

Rivista online Il Pensiero Mediterraneo - Redazioni all'estero: Atene - Parigi - America Latina. Redazioni in Italia: Ancona - BAT - Catania - Cuneo - Firenze - Genova - Lecce - Marsala - Milano - Palermo - Roma - Trieste. Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.