IL PENSIERO MEDITERRANEO

Incontri di Culture sulle sponde del mediterraneo – Rivista Culturale online

BAROQUE BLUE IONIAN SE-ART RESIDENCY, Santa Caterina e Riserva Naturale di Porto Selvaggio, Nardò (Lecce). Dal 26 Giugno al 6 Luglio 2023, a cura di Dores Sacquegna

7 min read
Invito

Invito

COMUNICATO STAMPA

BAROQUE BLUE IONIAN SE-ART RESIDENCY

Santa Caterina e Riserva Naturale di Porto Selvaggio, Nardò (Lecce)

Dal 26 Giugno al 6 Luglio 2023

a cura di Dores Sacquegna

In concomitanza con l’estate ritorna Baroque Blue Ionian Se-Art Residency, un format di residenza artistica annuale che fa dialogare l’arte contemporanea con la natura. Ideata nel 2022 da Primo Piano LivinGallery, Progetti & Servizi per l’Arte Contemporanea e curata da Dores Sacquegna, l’evento del 2023 prevede due distinte residenze nello scenario paesaggistico tra Santa Caterina e il Parco Regionale di Porto Selvaggio, Nardò (Lecce).

Il primo progetto, incentrato sulla tematica Le sacre pietre del Salento, è un viaggio archetipico nel Patrimonio Culturale del Salento tra versante adriatico e ionico e che vede protagonisti artisti stranieri e pugliesi in dialogo per ricerche sul paesaggio e per produrre opere di Land Art e installazioni site-specific e site-inspired.  Il comune denominatore è il concetto di roccia-pietra-grotta negli aspetti mutevoli, mistici, catartici (caverna cosmica)in relazione al paesaggio naturale e antropizzato. In questo contesto tematico, gli artisti invitati, percorreranno le orme del mitico Viaggio dell’Eroe per giungere, infine a creare il proprio SEM/archetipo/oggetto del desiderio che permetterà loro, nel dialogo rispettoso con l’ambiente, di tornare a casa.

In arrivo a Santa Caterina, undici personalità internazionali tra cui l’artista, scrittrice e ricercatrice greca Polyxene Kasda e gli americani Sandra Duran Wilson, artista e Mark Licht architetto del paesaggio, Linda e Gary Storm, rispettivamente artista e musicista, lo scrittore e ricercatore Prof. Bruno Clarke con la fotografa Donna Clarke,  l’artista Susan Schlepp e il ricercatore Douglas Schlepp, le artiste Dawn Daisley ed Elise Carlson. In dialogo con loro, gli artisti pugliesi Frank Ak, Ka Corona, Gianni Chiriatti, Giovanni Felle, Gianluca Russo.

Programma di sintesi con artisti e pubblico

30 giugno dalle 16:30 alle 20:00 – Location giardino della villa / Lungomare via Cantù a Santa Caterina

  • Le sacre pietre del Salento e il viaggio dell’Eroe con Dores Sacquegna;
  • Mito/Network 1990-2017 con Polyxene Kasda artista greco-alessandrina che lavora all’intersezione tra arte, scienza e discipline umanistiche formatosi in Belle Arti IAA, Fisica AUC e Psicologia ACG. Mito/Network è una fluida reticolazione di sintomi di transitorietà basata sull’arte, lanciata al Meeting of the Worlds, Museum of Modern Art di Joensuu, Finlandia nel 1990. Le sue installazioni archetipiche sono pensate per essere viste da un punto di vista aeronautico e il suo lavoro è un meraviglioso paradigma sull’esperienza dell’universo dei simboli. Tra i suoi libri – molti dei quali tradotti in cinque lingue – si segnala il recente titolo Artificial Intelligence Needles Conscious Eye, scritto insieme al Prof. John Kontos, uno studio che contribuisce allo sviluppo dei campi interdisciplinari emergenti di Machine Consciousness e Computational Creativity, nonché del più ampio campo di interazione tra Intelligenza Artificiale e Arte.
  • con le fotografie di Donna Clarke e la ricerca del Prof Bruno Clarke, il cui lavorosi concentra sulla teoria dei sistemi, della narrazione e di Gaia.  È stato tra i curatori del Center for Art and Media di Karlsruhe in Germania, ha scritto numerosi libri e ha co-diretto Gaian Systems: Planetary Cognition Lab, un progetto di ricerca transdisciplinare per la comprensione delle nostre radici all’interno di un pianeta vivente.
  • con Alberto “Nick” Bolettieri, trombonista, polistrumentista, compositore, arrangiatore e didatta milanese. Le sue collaborazioni concertistiche e discografiche lo vedono al fianco di nomi importanti della musica leggera, pop e rock. In scena con una performance al tramonto che mira a strutturare il suono del trombone in dialogo con gli agenti atmosferici del momento, ovvero gli elementi primordiali che hanno manipolato la terra e la pietra sino a creare forme epocali sempre nuove, vestendo e rivestendo il territorio che ci ospita.

06 Luglio dalle 19:30 alle 24:00 – Location giardino della villa a Santa Caterina

  • a cura di SPECIMEN Teatro, una compagine di attori e musicisti di base presso il Centro di Cultura Popolare di Melpignano e composta da Mariella Salierno, Letizia Gervasi e Salvatore Gervasi, autore e regista. La performance – con la partecipazione della danzatrice Francesca Carotenuto  –  esalta con il ritmo, la voce e la danza, lo spazio antico della circolarità, del cammino del sole, del grembo della dea madre e in questo contesto si realizza il misterioso senso dell’espressività umana e della rappresentazione scenica in cui rimbalzano i ruoli tra attore e spettatore. 

La mission di Primo Piano è quella di promuovere il lavoro degli artisti, con una varietà di stimoli creativi, affinché possano concepire nuovi progetti o approfondire pratiche creative già consolidate.

Info e location evento: Strada Santa Caterina, 120 Nardò (Lecce)

primopianogallery@gmail.com  | +39 349 37 20 659 | ingresso libero

Versione inglese: https://primopianospecialprojects.com/2023/04/23/the-sacred-stones-of-salento/

separatore
Rivista online Il Pensiero Mediterraneo - Redazioni all'estero: Atene - Parigi - America Latina. Redazioni in Italia: Ancona - BAT - Catania - Cuneo - Firenze - Genova - Lecce - Marsala - Milano - Palermo - Roma - Trieste. Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.