IL PENSIERO MEDITERRANEO

Incontri di Culture sulle sponde del mediterraneo – Rivista Culturale online

Dialettica dell’impossibile

7 min read
Dialettica

Dialettica

Di Gennaro Tedesco

I nostri “colleghi” universitari si scandalizzano per quelli che definiscono vergognosi e indecenti livelli di apprendimento delle matricole provenienti dalle nostre Scuole Superiori . E’ il solito scaricabarile . Si dà ai “colleghi” che ci precedono nella formazione degli allievi la “colpa” per le carenze strutturali di questi ultimi . E’ un gioco al massacro reciproco del sistema formativo nazionale di cui le prime e più importanti vittime non sono i docenti , ma gli allievi .

E come rispondono al dramma nazionale  , come si organizzano le Università nazionali per contrastare il fenomeno ?

Prima di tutto , puntando il dito accusatorio contro i “colleghi” della Scuola italiana , non guardando minimamente nel cortile di casa loro per scoprire se in esso c’è qualche anatra zoppa o qualche pecora nera .

Naturalmente non si può ,  non si vuole e non si deve esimere da eventuali responsabilità il corpo docente della Scuola  , ma si ha l’impressione che i nostri “colleghi” dell’Università abbiano più di qualche difficoltà a comprendere i mutamenti epocali nell’antropologia e nella psicologia dei nostri allievi e nelle conseguenti metodologie d’apprendimento . Si ha la netta sensazione che gli universitari , a parte qualche rara eccezione , sembrino vivere in un altro mondo , su  un altro pianeta .

Nella migliore delle ipotesi non solo educativa , le Università , per tentare di risolvere questa presunta e quasi irrimediabile deficienza totale e globale delle matricole , non sanno far altro che organizzare “corsi di recupero” . E’ vero che , come sostengono in tanti , l’Università si è licealizzata ( anche se tanti tra i  suoi docenti sembrano non accorgersene e tirano diritti per la loro strada “ verticale , verticistica e verticalistica” che li e ci conduce inesorabilmente diritti al baratro) , ma non crediamo che “il corsismo” e il “recuperiamo” che già hanno dato e continuano a dare cattivissima prova di se nelle nostre Scuole, possano contribuire a modificare le pretese sorti regressive degli allievi . Anzi , non possono fare altro che ulteriormente contribuire alla loro regressione , alla loro apatia e alla loro abulia .

Innanzitutto le matricole , una volta che cominciano a frequentare i primi corsi universitari , si trovano di fronte un docente che , prevalentemente , svolge il suo mestiere , avvalendosi di una lezione frontale disciplinare , fondamentalmente  unilineare ,  estrinsecazione diretta ed espressione conseguente della forma-libro .

Il guaio è che il neo-allievo , purtroppo o fortunatamente , dipende dai punti di vista , possiede una formazione e un immaginario , spesso nemmeno fornito dalla stessa Scuola , che in molti casi lo contrasta pure poco efficacemente , invece di assecondarlo e coltivarlo , correggendolo ed emendandolo per renderlo migliore e più efficace , completamente diverso da quella del malcapitato docente .

Se la Scuola di provenienza ha  espletato il suo dovere , rinforzando e consolidando  l’Università popolare e informale  di Internet , coadiuvata da televisione , cd , dvd , cinema e letteratura anticanonica  e sovversiva ,  il discente che si presentasse di fronte al collega universitario tutto gongolante e soddisfatto  per l’eccelsa e gravosa   preparazione della sua lezione frontale perfetta da “trasmettere” ( mentre invece essa, la lezione frontale e disciplinare , si rivelerà solo un mezzo e uno strumento molto efficace ed efficiente per scatenare la tempesta perfetta ) si troverebbe a possedere una formazione e un immaginario olistico antispecialistico e antitrasmissivo , l’opposto della lezione frontale e disciplinare .

Eppure il docente universitario,  la cui tradizione e formazione risale alle Università del Medioevo , dovrebbe ben ricordare che nello stesso Medioevo e nel successivo Rinascimento , numerosissimi allievi , al di fuori dei circuiti retorici ed umanistici , apprendevano l’arte non con modelli trasmessivi , oratori e unilineari , ma guardando come si fa , sperimentando direttamente , personalmente e protagonisticamente come si fa , provando , riprovando e sbagliando continuamente.  E  all’epoca non c’erano né computer né simulazioni elettroniche né realtà virtuali in cui l’apprendista-stregone potesse tuffarsi in una immersione profonda , totale , individuale e personale . Si apprendeva e ci si educava e ci si  formava alla scienza , all’arte , alla vita e al lavoro a stretto contatto , spesso condividendo tutto dal pane al sonno , in una bottega artigiana , in un laboratorio in cui  i maestri e i mastri agli allievi-apprendisti  non  insegnavano ma gli mostravano come si fa , spesso non disdegnando un loro contributo diretto e personale , anzi sollecitandolo e apprezzandolo in quello che potremmo definire un processo d’apprendimento interattivo . In tali ambienti di  apprendimento medievale e rinascimentale , in questi cantieri spesso a cielo aperto se pensiamo ai mastri e alle maestranze costruttrici indimenticabili di castelli e cattedrali , ma non solo , non c’erano confini tra le discipline che allora   non erano nate né concettualmente né praticamente , ma solo ambiti di conoscenze e competenze strettamente correlati , interdipendenti e interconnessi non da una interdisciplinarità che non esisteva , ma dalla natura e dalla naturalezza delle relazioni d’apprendimento concepite e finalizzate all’interno di un contesto esclusivamente funzionale al raggiungimento di un obbiettivo che naturalmente non escludeva anzi imponeva una riflessione più generale sugli esiti anche epistemologici  del lavoro concreto brillantemente portato a termine in un processo di accumulazione quantitativa e qualitativa del sapere .

In questo processo cumulativo ed epistemologico si inseriva la stessa crescita professionale e formativa dell’allievo-apprendista  che avveniva e maturava  lentamente e per gradi in un ambiente di apprendimento sostenuto e valorizzato  da una equipe di mastri e maestri del come si fa che sollecitavano gli allievi-apprendisti a intervenire nelle varie fasi del lavoro , stimolando e favorendo  il ruolo attivistico , interattivistico e protagonistico  dei futuri professionisti . Di ciò rimane qualche traccia nella nostra Scuola e nella nostra Università? Francamente , direi proprio di no .

separatore
Rivista online Il Pensiero Mediterraneo - Redazioni all'estero: Atene - Parigi - America Latina. Redazioni in Italia: Ancona - BAT - Catania - Cuneo - Firenze - Genova - Lecce - Marsala - Milano - Palermo - Roma - Trieste. Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.