IL PENSIERO MEDITERRANEO

Incontri di Culture sulle sponde del mediterraneo – Rivista Culturale online

L’Università di Foggia si prepara a festeggiare Francesco Paolo De Stasio, vincitore del prestigioso premio Goi e Buttarelli

8 min read
Presentazione libro

La cerimonia di premiazione, che avrà logo il giorno 26 marzo in concomitanza con la presentazione del volume “Per una cultura dell’Inclusione”, rappresenta un momento significativo per l’intera comunità accademica foggiana, per l’importanza dell’impegno sociale e della ricerca nell’ambito dell’inclusione e della diversità.

L’Università di Foggia celebrerà ufficialmente Francesco Paolo De Stasio il giorno 26 marzo dalle ore 15.00 presso l’Aula Magna “Valerio Spada” in via Caggese 1. Interverranno il prof. Lorenzo Lo Muzio, magnifico rettore dell’Università di Foggia, il prof. Giorgio Mori, docente ordinario Unifg di Istologia e delegato rettorale alla Didattica, la prof.ssa Giusi Antonia Toto, docente di Didattica e Pedagogia Speciale Unifg e delegata del Rettore alla Formazione degli Insegnanti e all’Orientamento, la prof.ssa Annamaria Petito, docente ordinario Unifg di Psicologia clinica e delegata rettorale alle Pari opportunità e bisogni educativi speciali.

Laureatosi in giurisprudenza presso la stessa Università nel marzo 2023, di Stasio ha scritto la sua tesi di laurea sull’eutanasia e ha suscitato un interesse significativo distinguendosi tra i primi 4 classificati nell’ambito dei Premi di Laurea Goi e Buttarelli, riservati agli studenti con disabilità. Il suo contributo riflette l’impegno e la dedizione nell’affrontare temi complessi e rilevanti per la società contemporanea.

Il premio è stato già assegnato a De Stasio lo scorso 9 febbraio, presso l’Università degli Studi di Brescia, durante una cerimonia di premiazione arricchita dalla presenza della prof.ssa Giusi Antonia Toto e di illustri personalità accademiche impegnate nel mondo della disabilità, come il Magnifico Rettore dell’Università di Brescia, il prof. Francesco Castelli, il prof. Alberto Arenghi, Delegato del Rettore per la Disabilità e DSA dell’Università degli Studi di Brescia, e studenti meritevoli.

L’ulteriore premiazione nasce da un’iniziativa del Learning Sciences institute  dell’Università di Foggia (LSi), centro di ricerca impegnato nella sensibilizzazione e promozione dell’inclusione coordinato dalla prof.ssa Giusi Antonia Toto. “Siamo orgogliosi dell’importante premio che ha ottenuto Francesco nello scenario della prestigiosa Università di Brescia. Ora vogliamo celebrarlo anche a Foggia e conferirgli il giusto riconoscimento nell’Ateneo in cui ha studiato. La sua opera non solo arricchisce il campo accademico, ma solleva importanti questioni etiche e legali che meritano attenzione e approfondimento. In un momento in cui la società affronta sfide complesse, è incoraggiante vedere giovani studiosi come Francesco Paolo di Stasio impegnati nella ricerca di soluzioni ponderate e nel promuovere un dialogo costruttivo“. Queste sono state le parole della prof.ssa Toto.

Il Magnifico Rettore dell’Università di Foggia, prof. Lorenzo Lo Muzio, ha aggiunto: “La premiazione di Francesco Paolo di Stasio  è motivo di profonda soddisfazione per il nostro Ateneo. Il riconoscimento del suo impegno e dei suoi successi non solo onora lui personalmente, ma evidenzia anche il valore e l’importanza dell’attivismo degli studenti nel promuovere la conoscenza e la sensibilizzazione su questioni di fondamentale rilevanza. La nostra comunità accademica è pronta a riaccoglierlo in patria, non solo come studente ma come fiore all’occhiello dell’intero territorio foggiano“.

Il prof. Giorgio Mori ha dichiarato: “Questa cerimonia rappresenta l’attenzione dell’Università di Foggia nei confronti della diversità. Il premio è, invece, la meritata concretizzazione dell’impegno che di Stasio ha dimostrato nell’imparare ad affrontare quotidianamente gli ostacoli lungo il suo percorso universitario.

L’Università di Foggia, con fermezza e impegno, si dedica alla promozione di una cultura fondata sull’inclusione e sull’uguaglianza, riconoscendo il valore e l’importanza del lavoro svolto dagli studenti, tra cui spicca Francesco Paolo di Stasio. Questo impegno comune rafforza il nostro obiettivo di creare un ambiente accademico e sociale che accoglie e valorizza le diversità, promuovendo la crescita e il successo di tutti gli individui coinvolti”, sono state le parole della prof.ssa Annamaria Petito.

De  Stasio  ha dichiarato: “Come studente, sono stato soddisfatto negli anni perché, nonostante le difficoltà legate alla mia disabilità, sono riuscito a raggiungere i miei obiettivi in maniera brillante. Questo successo non sarebbe stato possibile senza il sostegno prezioso dei miei docenti e degli altri membri della comunità accademica. Ogni ostacolo che ho incontrato lungo il mio percorso è stato affrontato con determinazione e resilienza, e ogni sfida ha contribuito a plasmare la mia crescita personale e professionale. Oggi, guardo avanti con entusiasmo verso il prossimo step del mio percorso accademico: il dottorato di ricerca. Sono consapevole che ci saranno nuove sfide da affrontare e nuove vittorie da conquistare, ma sono pronto ad impegnarmi al massimo per raggiungere nuovi traguardi e contribuire al mondo della ricerca con il mio lavoro. Sono grato per l’opportunità di continuare a coltivare la mia passione per il sapere e per il sostegno continuo della mia comunità accademica”.

La premiazione sarà anche l’occasione per il Learning Sciences institute (LSi) di presentare il volume curato dalla prof.ssa Giusi Antonia Toto e dal prof. Luigi Traetta “Per una cultura dell’inclusione”, gli atti delle Giornate di Studio per la cultuRa dell’inclusione (GioStRa), evento organizzato dallo stesso LSi in collaborazione con iFun.

All’iniziativa, che mira a promuovere una maggiore consapevolezza e comprensione delle sfide legate all’inclusione, prenderanno parte interverranno, in questa fase, il prof. Lorenzo Lo Muzio, magnifico rettore dell’Università di Foggia, la stessa prof.ssa Giusi Toto, il prof. Giorgio Mori, docente ordinario Unifg di Istologia e delegato rettorale alla Didattica, il prof. Luigi Traetta, docente associato Unifg e coordinatore dei corsi di Specializzazione TFA sostegno, la prof.ssa Annamaria Petito, docente ordinario Unifg di Psicologia clinica e delegata rettorale alle Pari opportunità e bisogni educativi speciali, Cristiana Simonetti, docente associato Unifg di Pedagogia generale e sociale e delegata rettorale ai Servizi agli studenti e ADISU, Danilo Leone, docente associato Unifg di Metodologie della ricerca archeologica e delegato rettorale alla Terza missione, la dott.ssa Martina Rossi, la dott.ssa Guendalina Peconio e la dott.ssa Valentina Berardinetti, componenti del comitato organizzativo della cerimonia.

Per ulteriori informazioni contattare il learningsciencesinstitute@unifg.it.

Rivista online Il Pensiero Mediterraneo - Redazioni all'estero: Atene - Parigi - America Latina. Redazioni in Italia: Ancona - BAT - Catania - Cuneo - Firenze - Genova - Lecce - Marsala - Milano - Palermo - Roma - Trieste. Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.