IL PENSIERO MEDITERRANEO

Incontri di Culture sulle sponde del mediterraneo – Rivista Culturale online

Il Sud Italia e l’eredità bizantina: un progetto racconta…di Paul Arthur

Civiltà a confronto

S’intitola “Byzantine Heritage of Southern Italy” la ricerca archeologica sui circa 500 anni di dominazione bizantina in Italia, che ha interessato un’ampia area territoriale comprendente Sicilia, Calabria, Basilicata e Puglia.
Avviato nel 2020, scopo del progetto è fornire un panorama all’eredità bizantina e al suo ruolo nella formazione della società del sud d’Italia, facendo dialogare fonti archeologiche, documentarie, climatiche e ambientali, antropologiche, genetiche.


di Paul Arthur*

Una delle più rapide e profonde trasformazioni della società avvenne nello spazio di pochi decenni ed ebbe come protagonista l’impero che prendeva nome da Bisanzio, città all’imboccatura del Mar Nero, tra il Corno d’Oro e il Mar di Marmara.
L’impero bizantino si era pesantemente indebolito dopo le varie guerre in cui, nel VI secolo, aveva rivestito un ruolo principale e che lo avevano impegnato su un fronte che si estendeva dalla Persia, attraverso il Nord Africa, all’Italia, ai Balcani e persino alla Spagna. Le risorse iniziavano a scarseggiare e la popolazione, in calo dal punto di vista demografico, soffriva per i ripetuti episodi di peste bubbonica. Tuttavia, quasi miracolosamente, Bisanzio riuscì a mantenere il suo impero, che ruotava intorno al Mar Egeo.

Un po’ di storia

In Italia, dalla fine della guerra greco-gotica nel 554 al completamento dell’invasione normanna nel 1091, varie parti del Meridione e della Sicilia furono sotto il controllo dell’Impero bizantino. Eppure, ancora oggi, gli oltre 500 anni di dominazione bizantina non sono stati ancora spiegati in modo soddisfacente, né sono chiari i modi in cui quei decenni hanno influito sulla società e sulla cultura del Meridione, lasciando segni indelebili, anche se spesso ambigui o intangibili, fino ai nostri giorni.

500 anni …indelebili

La nostra tesi è che il mezzo millennio che vide i Bizantini al potere nel Mezzogiorno, in realtà, giocò un ruolo assolutamente fondamentale nella formazione dell’Italia meridionale e degli italiani. Eppure, il contributo di quegli anni è pesantemente offuscato dall’eredità più evidente e spettacolare di altri periodi storici, sia prima, che dopo i Bizantini. Per questo motivo abbiamo avviato il progetto sull’eredità bizantina dell’Italia meridionale e della Sicilia, finanziato dal Ministero dell’Università. Iniziato nel gennaio 2020, vede la stretta collaborazione di ben cinque Atenei (le Università della Calabria con sede a Cosenza, di Catania, Foggia, l’Università del Salento e l’Università della Basilicata con il polo di Matera) e di oltre settanta tra studiosi e allievi universitari.

Le tracce? Sono ovunque

Oggi, non sono in molti consapevoli del fatto che le sorti dell’Italia meridionale sono dipese per così tanto tempo dalle politiche definite a Costantinopoli. Né potranno indicare ciò che Bisanzio ci ha lasciato in eredità, forse fatta eccezione per poche chiese, ore diventate una sorta di “stereotipo” della presenza bizantina di questo territorio. Mentre la realtà dei fatti è ben altra cosa: le radici del problema si trovano, in parte, nello scarso spazio dato all’argomento dalle grandi sintesi storiche, quelle che penetrano nel sentire comune, anche attraverso i programmi scolastici.

Per chi fosse interessato, invitiamo a proseguire la lettura dell’articolo integrale su questo sito: