IL PENSIERO MEDITERRANEO

Incontri di Culture sulle sponde del mediterraneo – Rivista Culturale online

Correva l’Anno Domini 1684 e in città (Lecce) fu collocata sulla colonna la statua di Sant’Oronzo.

La statua di Sant'Oronzo specchiata sulla vetrata del Sedile

La statua di Sant'Oronzo specchiata sulla vetrata del Sedile

di Giorgio Mantovano

La colonna di Sant'Oronzo riflessa sulla vetrata del Sedile
La colonna di Sant’Oronzo riflessa sulla vetrata del Sedile

Dalle memorie dell’ Ing. Giuseppe Cino apprendiamo come entrò in città e fu collocata sulla colonna la statua di Sant’Oronzo.

E’ una descrizione suggestiva che vale la pena rievocare, oggi che la statua riposa, a seguito di restauro, nell’ingresso di palazzo Carafa:

“A 9 luglio di domenica entrò in Lecce la statua di rame del nostro S. Oronzio venuta da Venezia per collocarsi sopra alla colonna della pubblica piazza quale statua si piglio’ professionalmente dalla Chiesa dei PP. Alcantarini fuori le mura associata da tutte le confraternità, Conventi e dal Reverendissimo Capitolo ed infinità grande di nobili, civili, ed artigiani colle torce accese e con tutta la soldatesca della Provincia a piede e a cavallo, quale statua si portava sopra una bara grande, e la sostenevano 24 persone benvestite e tutte guarnite di seta.

Andavano avanti di detta bara i musici cantando lodi al detto Santo.

Nell’entrare in piazza si fece una salva reale di mortaretti con lo sparo dell’artiglieria del Castello e anche delli soldati.

Per tirare poi la detta statua sopra la colonna si fecero due molinelli uno alla parte del Sedile e l’altro alla parte della Bagliva.

In questo tiravano il Sindico Sig. Domenico Stabile col nuovo Sindico dell’avvenire Sig. Giuseppe di Pompeo Paladini, il Governatore della Città Marchese di S. Caterina e nobili e civili, ed in quello verso il Sedile tiravano i Sacerdoti del Capitolo ed arrivata già sopra la detta colonna si colloco’ e si fece l’altra scarica di artiglieria e mortaretti e poi si intono’ il Te deum con il suono di tutte le campane della città a gloria.

L’architetto fu Mastro Giuseppe Zimbalo. Era Vescovo D. Michele Pignatelli e Preside D. Marcantonio De Riso. “

La narrazione è tratta da “Memorie ossia Notiziario di molte cose accadute a Lecce dall’anno 1656 sino all’anno 1719 del Signor Giuseppe Cino Ingegnere leccese”, in Cronache di Lecce, a cura di Alessandro Laporta, Edizioni del Grifo, 1991.

separatore
Articoli che potrebbero interessarti:
Eugenio Barba per "Tebe e le sette porte", per Lecce e la Biblioteca Bernardini, per l'archivio vive...
Elogio dei Vastasi... Dai portantini del Medioevo fino a Cetto La Qualunque
Ricordando "We Shall Overcome" un inno religioso diventato una canzone di lotta
Narciso e la conoscenza di sé di Maurizio Mazzotta
“Mediterraneo”, concerto classico lirico a Gallipoli
l Mistero di Castel del Monte: luogo di incontro dei cavalieri Templari, dei Fedeli d’Amore? Apriamo...
A Sannicola (LE) l’inaugurazione della nuova Sala del Regno dei Testimoni di Geova - 20 maggio (ore ...
Dove nascono i triangoli.150mo Anniversario della Misurazione della Base Geodetica
La storia del Ponte di Rialto
STOP al taglio di alberi a Lecce. Manifestazione pubblica per preservare gli alberi bene comune: 30 ...
MOSTRA di Mirco Marchelli, VOCI IN CAPITOLO, a cura di Paolo Bolpagni e Giovanni Battista Martini. A...
"Auschwitz" di Francesco Guccini per “La musica nella storia e nella poesia” nella Giornata della M...
𝗖𝗼𝘀𝗮 𝘀𝗶 𝗶𝗻𝘁𝗲𝗻𝗱𝗲 𝗽𝗲𝗿 𝗩𝗶𝗼𝗹𝗲𝗻𝘇𝗮 𝗱𝗶 𝗴𝗲𝗻𝗲𝗿𝗲? 𝗤𝘂𝗮𝗹𝗶 𝘀𝗼𝗻𝗼 𝗹𝗲 𝗳𝗼𝗿𝗺𝗲 𝗱𝗶 𝘃𝗶𝗼𝗹𝗲𝗻𝘇𝗮 𝗲 𝗶 𝗰𝗼𝗺𝗽𝗼𝗿𝘁𝗮𝗺𝗲𝗻𝘁𝗶 𝗱𝗲𝘃𝗶𝗮𝗻𝘁𝗶 𝗰...
Letteratura e Comunicazione per fare turismo  “pro loco” sostenibile ed accessibile sul territorio d...
Auge International Consulting consente l'accesso alle attività didattiche di Skill Gym al costo di 1...
Rivista online Il Pensiero Mediterraneo - Redazioni all'estero: Atene - Parigi - America Latina. Redazioni in Italia: Ancona - BAT - Catania - Cuneo - Firenze - Genova - Lecce - Marsala - Milano - Palermo - Roma - Trieste. Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.